Welfare Aziendale

Notizie, approfondimenti, interviste e focus sul benessere dei dipendenti in azienda

sabato, 27 gennaio 2018

Sanofi firma 
un nuovo accordo integrativo

Coppie di fatto, lavoro da casa e volontariato tra le principali novità.






©Carlo Perazzolo/carloperazzolo.com

Milano 27 gennaio 2018 – A pochi mesi dall’entrata in vigore del nuovo accordo integrativo che riguarda oltre 1000 collaboratori della sua struttura commerciale in Italia Sanofi rilancia e raddoppia.

 

Dal primo gennaio i suoi collaboratori delle sedi di Milano, Modena e Roma possono lavorare in smart working due giorni su cinque a settimana. Il nuovo accordo – siglato con i sindacati territoriali Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil – prosegue quindi nel solco del precedente (era stato sottoscritto lo scorso luglio) e conferma il passaggio dell’azienda a una maggiore flessibilità nella gestione del tempo e una migliore conciliazione vita-lavoro delle sue persone.

 

Sanofi, infatti, è tra le prime aziende ad aver introdotto nel 2013 lo smart working che oggi interessa più del 60% della sua popolazione. Inoltre, è sempre tra le prime ad aver abolito il controllo dell’orario di lavoro per il suo personale di sede, estendendolo oggi a tutti i livelli dell’organizzazione.

 

Ma la principale novità del nuovo accordo è l’estensione del suo ricco piano di welfare integrativo a tutti i collaboratori e alla loro famiglie, equiparando i nuclei familiari a prescindere dal sesso dei componenti e dal tipo di unione della coppia. Quest’ultima infatti potrà usufruire di ogni benefit semplicemente presentando la certificazione del proprio stato civile o di fatto. Un approccio concreto e assolutamente in linea con la cultura del Gruppo che da sempre promuove un ambiente di lavoro senza forme di discriminazione per  collaboratori e partner, creativo e stimolante, attraverso iniziative che mettono la persona al centro. Un approccio ribadito attraverso l’adesione di Sanofi a Parks – Liberi e Uguali, l’associazione senza scopo di lucro che supporta le aziende nello sviluppo di strategie e buone pratiche rispettose della diversità di orientamento sessuale dei suoi dipendenti.

 

Altra novità dell’accordo è il progetto di volontariato aziendale Give Back che prevede la possibilità per il collaboratore di dedicare una giornata regolarmente retribuita da finalizzare a un’attività per il prossimo, scegliendo da uno specifico calendario strutturato in collaborazione con Associazioni ed enti attivi sul territorio: la formula pilota, da ottobre a dicembre ha coinvolto una sessantina di collaboratori e comprendeva attività a supporto di bambini, giovani e anziani in condizioni di disagio, ma anche giornate in city farm a contatto con la terra e i suoi frutti.

 

A proposito di Sanofi SANOFI – Sanofi supporta le persone nelle loro sfide di salute. Siamo una società biofarmaceutica globale focalizzata sulla salute umana. Preveniamo le malattie con i vaccini, forniamo trattamenti innovativi per combattere il dolore e alleviare la sofferenza. Siamo accanto ai malati rari così come ai milioni di persone con condizioni croniche.Con oltre 100.000 persone in 100 Paesi, Sanofi trasforma l’innovazione scientifica in soluzioni di salute in tutto il mondo.

a cura della Redazione
Tags: contratto integrativo, coppie di fatto, lavoro da casa, Sanofi, volontariato, welfare aziendale

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »



Newsletter Welfare Aziendale