Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

Oggi si registrano 23.232 nuovi casi, in leggero aumento rispetto a ieri ma con 40mila tamponi in più (188.659). I decessi sono 853, il dato più alto della seconda ondata. La percentuale tra positivi e tamponi è al 12,31% quando ieri era al 15,4%. I guariti, oggi 20.837 (ieri 31.395), sono in tutto 605.330. Intanto, il Ministro della Salute Speranza ha firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla Provincia autonoma di Bolzano e a Basilicata, Liguria e Umbria. Revocato in Alto Adige il lockdown totale dopo lo screening di massa.

“Oggi 188.659 tamponi ed è diminuita la proporzione di positivi sul totale dei tamponi – ha affermato il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza -. Però brutto dato dei decessi, 853, in aumento di 200 rispetto a ieri. Un numero purtroppo alto. Come sappiamo anche quando tendono a diminuire i nuovi casi grazie all’impatto delle misure prese gli indicatori che calano per ultimi sono proprio quelli relativi al sovraccarico delle terapie intensive e al numero dei decessi. C’è cauto ottimismo perché diminuiscono i positivi, controbilanciato da questi numeri sui decessi, sappiamo che gli effetti di questa lunga scia si vedranno per diverso tempo”.

Le dosi del vaccino. Al momento, sono 300 i punti in tutta Italia in cui saranno distribuite le prime 3,4 milioni di dosi del vaccino della Pfizer che dalla fine di gennaio dovrebbero consentire di vaccinare 1,7 milioni di italiani. Secondo quanto si apprende dall’Ansa, l’elenco e’ stato inviato da tutte le regioni al Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri in queste ore e comprende sia le strutture ospedaliere in grado di conservare e somministrare il vaccino sia le Rsa, che verranno servite attraverso le unità mobili.

La decisione del Grande Fratello Vip, di continuare fino a febbraio 2021, sembrerebbe aver gettato nello sconforto molti inquilini all’interno della casa. Tra loro, Elisabetta Gregoraci, che dopo la puntata di ieri, pare abbia deciso di finire qui la sua avventura al Grande Fratello Vip.

Ho già deciso io. Poi per chi ha figli è un discorso diverso. La mia decisione ce l’ho già, basta così. Io quello che dovevo dare l’ho già dato quindi vado. Pensavo ad un allungamento ma prima di Natale. Poi non è detto che uno arrivi fino a febbraio. Io sono anche in nomination quindi può essere che non arrivo nemmeno a dicembre. Vi saluterò, per me è impensabile stare qui dentro e non passare il Natale con mio figlio e le persone che amo. Onestamente pensavo a 1 settimane in più o 2, non mesi”.

Anche Enock Barwuah e Dayane Mello hanno manifestato il desiderio di lasciare la Casa. Dayane vorrebbe riabbracciare la figlia Sofia: “Io non continuo, non posso stare lontana da mia figlia. Ve lo dico già che non vado avanti. Non esiste non lo farò. Questo Natale che lei ha 6 anni io lo faccio con lei. Non dico che mollo, piuttosto che rinuncio. Poi ricordatevi che entreranno altri concorrenti carichi e noi siamo qui da 3 mesi”, ha detto la modella brasiliana a fine puntata.

Enock: “Vorrei trovare una forza interiore, ma non ce la faccio. Penso di no non credo proprio. Mi hai visto in questi giorni. Due settimane in più ok, ma di più non accetto. Di più non riesco Pier. Capisco che dicono che è meglio stare qui che fuori, ma ci vuole una forza mentale che non ho più”.