Life

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

La regina delle hit estive ha detto “Si” al suo Afrojack. La giovane ereditiera Elettra Lamborghini, ha giurato amore eterno al suo Nick van de Wall.

Una cerimonia in grande stile organizzata nella cornice di Villa Balbiano sul Lago di Como, grazie alla collaborazione di Enzo Miccio, il re delle nozze da sogno.

Per l’evento “Miss Twerk”, ha scelto di fare tre cambi d’abito: modelli romantici ma appariscenti, “uno da sposa, uno classico e uno pop”, come aveva dichiarato prima delle nozze. L’abito per la cerimonia è firmato dall’israeliana Galia Lahav ed è interamente in pizzo con profili trasparenti, una scollatura vertiginosa e spalline sottili. Per la cena, Elettra ha indossato un secondo abito sempre modello sirena con scollatura a cuore, maniche a pipistrello e pizzo disegnato da Zuhair Murad, valorizzato ancor da un’importante collana di brillanti e un paio di orecchini pendenti che le hanno dato più ancora più luce.

Infine, il terzo e ultimo abito vince nella sensualità: infatti la cantante per il taglio della torta ha scelto un abito a bustino senza maniche con uno spacco vertiginoso che mostra interamente la sua coscia. Il neo sposo invece ha detto “Si” in smoking classico, ma per il taglio della torta ha indossato un paio di sneakers e non ha resistito a ballare dietro la consolle insieme al collega David Guetta.

Al fianco della cantante, le sorelle Lucrezia e Flaminia, testimoni di nozze, ma Ginevra? Pare infatti che la sorella di 26 anni non sia andata alle nozze di Elettra a causa di discussioni che sembrano avere radici profonde e piuttosto lontane nel tempo. Saranno legate a dissidi economici o al mondo della musica a cui cerca di approcciare Ginevra? Intanto la sorella su Instagram le invia gli auguri: “Vi auguro il meglio. Avrei voluto esserci anche io”, ha scritto lei sul suo profilo rivolgendosi chiaramente alla sorella.

In ultimo, una torta nuziale a sei piani e fuochi d’artificio in grande stile a chiudere i festeggiamenti del matrimonio dell’anno a cui hanno partecipato anche Giusy Ferreri, Simona Ventura e Giovanni Terzi che secondo alcune indiscrezioni dovrebbero convolare a nozze il prossimo anno.

Apparentemente era una donna povera per lo Stato, senza un impiego e bisognosa di denaro. La realtà era però ben diversa ed è venuta fuori a seguito dell’attività investigativa messa in atto dall’Arma. Era infatti intestataria di oltre 20 automobili, tra cui numerose fuoriserie. Imprenditrice nel ramo della compravendita di veicoli con ditta individuale in via Trieste a Saonara, vicino Padova, da un anno abbondante riceveva regolarmente il reddito di cittadinanza pur non avendone i requisiti.

Le indagini. A scoprirlo sono stati i carabinieri della stazione di Legnaro del maresciallo Marialdo Rossin impegnati in alcuni accertamenti relativi ad altri presunti reati. Nei guai è finita una donna di 40 anni. È stata denunciata per aver omesso di comunicare le reali informazioni inerenti il suo reddito, non dichiarando di essere intestataria e proprietaria di beni materiali e titolare di partita Iva. Sarà l’autorità giudiziaria a decidere come proseguirà l’attività.

L’indagata rischia di dover restituire quanto ricevuto illecitamente dallo Stato oltre all’immediato azzeramento del sussidio mensile. Potrebbero anche scattare sequestri legati alle sue proprietà. Ma spetterà anche all’amministrazione comunale capire quali problematiche ci siano e prendere gli opportuni provvedimenti.