Politica

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

L’esame delle prime richieste di Reddito di Emergenze (REm) pervenute all’Inps ha evidenziato come numerose domande siano prive di una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) valida. Lo rileva l’Inps in una nota.

Le norme. L’Istituto – si legge nella nota – ha illustrato con la circolare n. 69 del 3 giugno 2020 le norme che disciplinano il REm, la nuova misura di sostegno economico introdotta con il decreto legge n. 34/2020 (articolo 82) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Nella circolare è precisato che fra i requisiti richiesti al momento della presentazione della domanda, in aggiunta a quelli socio-economici previsti dalla legge, è indispensabile la presenza di una DSU valida.

Le domande. In mancanza, la domanda non potrà essere accolta e sarà quindi necessario presentare una Dsu valida e, successivamente, una nuova domanda di REm. Si ricorda che le domande possono essere presentate entro e non oltre il 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali: online, dal sito www.inps.it, autenticandosi con Pin, Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, Cns (Carta Nazionale dei Servizi) e Cie (Carta di Identità Elettronica); tramite i servizi offerti dai Patronati.

Il lockdown imposto dall’emergenza sanitaria in corso ha obbligato alla chiusura temporanea di molti luoghi di lavoro, proiettando rapidamente migliaia di lavoratori in un mondo virtuale, basato su nuove logiche, dove le interazioni umane sono filtrate dall’utilizzo di strumenti digitali. Grazie ad una consolidata esperienza nel lavoro da remoto che in Accenture Italia è una realtà già dal 2009, in questa fase Accenture ha implementato su larga scala le tecnologie e le infrastrutture di collaborazione necessarie per svolgerlo nei suoi diversi business abilitando oltre 500.000 persone nel mondo.

In questo contesto di distanziamento forzato, i dipendenti si sono trovati di fronte a inedite sfide: dalla complessità dell’organizzare lo smart working all’interno della propria abitazione al gestire i figli durante la sospensione della didattica in presenza, passando per la mancanza di un confronto fisico e quotidiano con i propri colleghi, senza tralasciare la paura legata al contagio per sé e i propri cari. Allo scopo di favorire le interazioni umane, promuovere la centralità del benessere delle persone  da sempre cardine del modo di fare business di Accenture e rafforzare il senso di appartenenza e condivisione tra i propri talenti, Accenture ha lanciato il programma Totally For You, un hub virtuale realizzato per i dipendenti e le loro famiglie con l’obiettivo di migliorare la vita da remoto e trasformare una situazione inedita e difficile come quella attuale in una nuova opportunità di crescita personale e professionale.

La piattaforma digitale Totally for You permette ai 16.000 dipendenti di Accenture in Italia di consultare ogni giorno il calendario degli eventi, visitare il canale con i video dedicati alle varie attività e leggere o scrivere nel microblog interno per essere aggiornati sulle ultime novità, avere informazioni, condividere esperienze, foto o video delle attività più apprezzate. I servizi e le iniziative del programma sono stati creati ad hoc o riconvertiti in formato digitale e sono fruibili online e accessibili da PC e smartphone.

Tutti i contenuti si articolano in quattro sezioni: Body, Mind, Heart, Soul, che rappresentano i 4 pilastri alla base dell’iniziativa promossa dai team di comunicazione interna e HR di Accenture Italia:

  • Body: all’interno di questa sezione dedicata al benessere del corpo è possibile seguire corsi di attività motoria, ginnastica posturale sia per adulti che per bambini, stretching, corsi di yoga e fissare incontri con un nutrizionista per consigli e suggerimenti.
  • Mind: questa sezione comprende corsi e seminari dedicati al benessere della nostra mente con tutor, facilitatori ed esperti del settore.
  • Heart: questa sezione comprende tutte le iniziative finalizzate allo sviluppo delle soft skill, le competenze trasversali che ci aiutano a vivere meglio le relazioni, l’ambiente in cui lavoriamo e viviamo, particolarmente strategiche in situazioni difficili come quella attuale.
  • Soul: questa sezione è dedicata alla sfera interiore, anch’essa con all’interno una vasta gamma di iniziative.

Un programma che, a poche settimane dal lancio, sta riscuotendo già un grande successo all’interno di Accenture con più di 7 mila dipendenti che da inizio aprile hanno consultato la piattaforma e più di 6.000 che hanno partecipato alle diverse attività proposte.