Attualità Lavoro

Le notizie principali dal mondo del lavoro

martedì, 20 dicembre 2016

Come saranno le imprese vincenti del futuro?

Ecco la risposta dei giovani imprenditori della Confindustria delle regioni del Centro Italia.






15658235_1825573571065593_802793047_o

Ti sei mai chiesto quante volete dici in una giornata, c6? Dopo aver partecipato al XI Forum Interregionale del Centro giovani imprenditori ti accorgerai che sono tantissime. Anzi ti accorgerai che forse é una delle domande che ripeti più spesso. C6? Lo chiediamo quando aspettiamo, quando parliamo, quando invitiamo.

 

Loro, i  giovani imprenditori di Confindustria delle Regioni Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria il 15 alle 15.00 hanno deciso di esserci. Appuntamento all’Auditorium della Tecnica di Roma, per vedere oltre l’orizzonte e capire come devono essere le imprese del futuro. Ed ecco la risposta che hanno elaborato: “le imprese di successo saranno, Esatte, Rapide, Leggere, Molteplici, Visibili e Consistenti”. “Queste parole non sono nostre, ma di Italo Calvino” ha dichiarato in apertura Fausto Bianchi, Presidente interregionale Giovani Imprenditori del centro. “Calvino le scrisse come proposte per la  letteratura del terzo millennio. Noi, in un gioco di contaminazioni ed ibridazioni, le abbiamo scelte  perché sono perfette per descrivere le imprese nell’era dell’innovazione e dell’Industria 4.0. Ecco perché il titolo #c6 – l’impresa moderna in sei caratteri”

 

Sul palco, dopo i saluti istituzionali di Filippo Tortoriello, Presidente di Unindustria, sette giovani imprenditori hanno incontrato sei senior del business ed insieme, guidati da Valeria Arancio e Annamaria Devanna di News in Learning Management, hanno condiviso storie, esempi, suggestioni ed  ispirazioni per ognuna delle caratteristiche. Si è aperto con l’esattezza, interpretata dal giovane Marco Matarazzi di Software Engineer Verdini Srl e da Giorgio Zangarelli Presidente del centenario Stabilimento Tipografico Pliniana. “Esattezza come obiettivo a cui tendere, perché non si nasce mai perfetti”. Poi è venuta la leggerezza: “Non frivolezza, ma  sottrazione di peso, ricerca dell’essenziale, come nelle pratiche filosofiche”.

 
A parlarne con Stefano Perazzelli, di Team Consulting Service Srl, sul palco Cinzia Turli Hr director e Umanista d’azienda in Lazzaroni SPA ed Amaretti di Saronno. Per la rapidità insieme a  Roberto Miscioscia, CEO di Net In Progress Srl, Massimiliano Archiapatti, General Manager di Hertz Italia:  “la rapidità non è velocità, ma piuttosto cambio di ritmo, uno scattare avanti, sapendosi però fermare per poi ripartire.” A parlare di molteplicità le gemelle Francesca e Veronica Feleppa, Founder Feleppa FvF Srl  e Mauro Papalini, Presidente della Papalini spa. “Imprescindibile accogliere la molteplicità in ogni campo oggi.” A Lidia Cudemo, CEO di D-Hub studios, e Edoardo Narduzzi Presidente e CEO di Mashfrog spa   la sfida di raccontare la visibilità, da intendersi anche “come visione, come sguardo dell’imprenditore. Ricordandoci che prima di essere imprenditori siamo sognatori”. Per la consistenza, proposta  che Calvino non riuscì a completare perché mori’ prima, sul palco Valerio Rositano, Founder di Neoshu Group  e Alessandro Canzian, Head Of Marketing & Sales Corporate Vodafone. “Consistenza come coerenza, come tenere il tempo, sapere dove si vuole arrivare e cambiare, senza perdere i propri valori”

 

15577740_1825573521065598_329009659_n
15592067_1825573597732257_305165987_n
15592615_1825588364397447_1703786661_n
15595907_1825573514398932_868678257_o
15608450_1825573544398929_1441473762_o
15608632_1825573447732272_530756304_o
15609163_1825588361064114_301331620_o
15628958_1825573554398928_1801800782_o
15631089_1825573614398922_1082282286_o
15644550_1825573474398936_1480587077_n
15644861_1825573524398931_1657605266_n
15645127_1825573507732266_1614797521_n
15658235_1825573571065593_802793047_o-1
15658235_1825573571065593_802793047_o
15666044_1825573454398938_547028580_n
15666231_1825573657732251_970330885_n
15666380_1825573664398917_727270504_n
NextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnail

 

In sala oltre al pubblico confindustriale  anche giovani delle scuole superiori, tutti invitati  da Fausto Bianchi ad accettare una nuova sfida: “Esserci. Fare la differenza. Perché se l’italia è il paese più bello del mondo, ora sta a noi farlo diventare anche  il migliore del mondo” Con i saluti finali Marco Gay, presidente dei giovani di Confindustria, anche l’aggiunta di una settima proposta per esserci davvero: la Responsabilità “di cui il nostro progetto  Adotta una scuola ne è una buona spressione. Ad oggi come giovani imprenditori  abbiamo già raccolto 200mila euro per le scuole delle zone terremotate”.

 

Interessanti le proposte emerse in questo #c6, tutto costruito sull’incontro tra tradizione e innovazione, sulla  contaminazione tra mondi diversi, perché come hanno ben detto le due moderatrici, Arancio e Devanna, rielaborando le parole di Josè Muriño: “Chi sa solo di management, non sa nulla di management”. #c6?

 

di Samantha Marcelli 

Tags: Abruzzo, chi sei?, futuro imprese, Giovani Confindustria, Lazio, Marche, Umbria

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »