Focus Somministrazione

Tutto sul mondo delle Agenzie per il Lavoro, la somministrazione, lo staff leasing, la bilateralità.

7 novembre 2016

Contratto temporaneo: una rivoluzione che si trasforma in opportunità

L’analisi globale di Page Personnel: cresce, in Italia e all’estero, il numero di contratti in somministrazione.






tempo-parziale

Page Personnel, multinazionale inglese leader nella ricerca, selezione e somministrazione di professionisti qualificati, ha condotto un’indagine globale per analizzare l’evoluzione del lavoro temporaneo e dell’interim management per capire come questa forma di collaborazione sia percepita dai lavoratori, ma anche dalle aziende.

 

Temporaneo, un’opportunità per le aziende di entrare in contatto con profili sempre più specializzati e qualificati. “Dalla nostra indagine – dichiara Tomaso Mainini, Managing Director di PageGroup – emerge un dato molto interessante: le aziende cercano sempre di più collaboratori a tempo che abbiano profili fortemente specializzati e con percorsi di studio di grande rilievo; 7 lavoratori su 10 hanno un livello universitario (Laurea di Primo Livello, Laurea specialistica o Laurea in gestione di impresa). E anche durante il rapporto di lavoro, la formazione è considerata fondamentale per il successo aziendale, sia dai dirigenti, sia dai dipendenti. In particolare, il 52% dei lavoratori dichiara di aver ricevuto formazione in relazione ad un incarico di lavoro (in particolare, 65% dei lavoratori somministrati e 55% dei manager ad interim). Dall’altro lato, un’ampia maggioranza (58%) di manager selezionatori conferma di aver investito, o di essere comunque pronta a farlo, nella formazione dei propri lavoratori temporanei”.

 

I selezionatori manifestano difficoltà nel trovare profili dalle competenze adeguate per svolgere attività altamente specializzate. Nel Regno Unito, quasi un selezionatore su quattro dichiara di avere difficoltà per quanto riguarda il settore amministrativo – finanziario. Non mancano le difficoltà, poi, anche per le aziende che appartengono a settori in rapida evoluzione e che, per loro natura, necessitano di candidati con competenze molto specifiche e in continuo aggiornamento.

 

La formazione delle risorse, anche temporanee, diventa fondamentale per ogni azienda. Circa i 2/3 degli interim manager e il 50% dei dipendenti con contratto di somministrazione percepiscono l’opportunità di cogliere un contratto temporaneo per dare un’accelerata alla loro carriera. Non sono poche le aziende che allocano budget – anche abbastanza consistenti – per il training dei lavoratori a tempo proprio perché considerano la formazione essenziale per il loro successo a lungo termine.

 

A livello globale – continua Tomaso Mainini – più della metà delle aziende investe nella formazione dei propri manager ad interim (58%). La nostra ricerca ha dimostrato che le aziende che assumono sono di gran lunga i principali fornitori di formazione: circa 2/3 dei candidati intervistati, infatti, dichiara di aver ricevuto formazione proprio sul posto di lavoro. Questo, naturalmente, porta ad una conseguenza molto interessante: il personale temporaneo o ad interim soddisfagli stessi bisogni dei lavoratori a tempo indeterminato in azienda. Il 40% dei manager sostiene di impiegare lavoratori in somministrazione o ad interim per soddisfare le stesse mansioni dei colleghi con contratti a tempo indeterminato. Le percentuali più alte, in questo senso, si trovano in Belgio (55%), Italia e Spagna (49%), Brasile (48%) e Regno Unito (47%)”.

a cura della Redazione
Tags: collaboratori a tempo, lavoro temporaneo, Page Personnel, PageGroup, somministrazione

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »