Home Chi siamo

Chi siamo

Scritto da Redazione

Kongnews è una testata giornalistica online dedicata ai temi del lavoro, dell’impresa e dell’economia attiva dal 2013. La nostra iniziativa editoriale comprende anche KONGTV, una piattaforma video in cui sono presenti diversi webformat con un taglio di approfondimento, talk e di servizio.

Direttore Responsabile
Filippo Di Nardo

Editore
Kong Comunicazione srl
Viale Luigi Schiavonetti, 270/300
00173 ROMA
Partita Iva: 15049871005

Direttore Editoriale
Francesco Rotondi

La squadra
Un mix di esperienze e competenze, tradizionali e nuove. La squadra è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti provenienti dalla principali testate giornalistiche italiane, da giovani blogger, video maker, social media specialist ed esperti del mondo del lavoro, dell’impresa e di economia.

Redazione
Lucia Di Candilo (caporedattore), Stefano Marrone, Angela Menna, Maria Teresa Gasbarrone, Gregory Marinucci,  Cristina Maccarrone, Annamaria Tortora, Manuel Drexl (video reporter), Simone Micarelli (video reporter).

Kongnews è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Vasto (Chieti) dal 22/03/2013 al n. 136 del registro Giornali e Periodici.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

La paura per i nuovi contagi preoccupa l’Associazione nazionale magistrati, che parla di “carenze diffuse” e “rischi cui vengono esposti gli operatori e gli utenti”. “Mentre i dirigenti degli uffici giudiziari sono impegnati nella redazione dei progetti organizzativi triennali e per i carichi esigibili, – spiegano – la pandemia avanza nei palazzi di giustizia e le Istituzioni competenti sono a oggi silenti.”

“I magistrati italiani – dice  la giunta uscente dell’ Anm secondo quanto riporta l’Ansa  – continuano a disporre di applicativi inadatti per celebrare udienze a distanza, con reti di connessione inefficaci; la trattazione scritta è consentita solo fino al 31 dicembre, con un procedimento per di più macchinoso; mancano le annunciate dotazioni informatiche per lo smart working del personale giudiziario; magistrati, avvocati, personale amministrativo e utenti continuano a utilizzare aule e spazi inadatti a ospitare le udienze in presenza”.

“Resta irrisolta la disciplina giuridica delle assenze per quarantena di chi potrebbe efficacemente lavorare da casa. Pare in definitiva che l’esperienza della prima ondata di contagi non sia servita a programmare il futuro immediato e a immaginare misure adatte a un servizio essenziale qual è quello giudiziario”. I magistrati italiani “continuano a rendere tale servizio, senza timore di esporsi in prima persona pur di dare risposta alla domanda di giustizia”. Ma “non intendono essere identificati come responsabili delle carenze diffuse nonché dei rischi cui vengono esposti gli operatori e gli utenti a causa dell’assenza delle Istituzioni cui la Costituzione affida l’organizzazione del sistema giustizia”. 

Il vincolo di almeno il 75% di lezioni di casa per le scuole superiori imposto dal nuovo Dpcm anti-Covid firmato nella notte dal premier Giuseppe Conte è troppo restrittivo. Lo dicono i presidi, secondo cui si tratta di una misura che lede l’autonomia degli istituti. 

“Non si può imporre alle scuole qualcosa che sono i dirigenti di istituto a dover decidere. L’autonomia scolastica è in pieno vigore ed è tutelata dalla Costituzione, e serve a far sì che ogni scuola offra un’offerta formativa calibrata sulle diverse esigenze del territorio”, spiega il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli. “Imporre vincoli nazionali e regionali contravviene al principio legale – aggiunge – perché quello che si decide in una grande città non va bene per i piccoli centri, le periferie o i centri rurali”.

“Pensiamo ai ragazzi che frequentano istituti tecnici: il 50% di loro frequenta laboratori e se si dovesse avverare una didattica superiore al 75% il contenuto del loro diploma si svilirà”, aggiunge Giannelli. Giannelli ribadisce per l’ennesima volta che “la scuola, anche secondo l’Iss, non è un veicolo di diffusione del contagio. I trasporti non ce la fanno? Compriamo più bus. Le Asl non ce la fanno a fare tracciamenti? Rinforziamole. Le scuole aperte, ricordo, sono garanzia di monitoraggio.”