Home Privacy Policy

Privacy Policy

Scritto da Redazione

PRIVACY POLICY DEL SITO www.kongnews.it

Informativa e consenso sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003.

In ottemperanza a quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196, di seguito detto il “Codice della Privacy”, KONGedzioni attua il proprio impegno e la propria attenzione al trattamento dei dati personali degli utenti che interagiscono con il proprio sito web (di seguito, il “Sito”), attraverso l’adozione della politica di riservatezza resa nella presente pagina in cui vengono descritte le tipologie, le finalità e le modalità di trattamento dei dati raccolti a partire dalla home page del sito.
L’informativa inoltre è stata redatta facendo anche riferimento a quanto previsto dalla Raccomandazione n. 2/2001 adottata dalle Autorità europee per la protezione dei dati personali in data 17 maggio 2001, la quale individua alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, quali, in particolare le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L’informativa è resa solo per il Sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link accessibili dal sito.

TIPOLOGIA DEI DATI TRATTATI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

La navigazione all’interno richiede registrazione da parte dell’utente solo nei casi in cui la raccolta dei dati personali sia necessaria per la fruizione di servizi a pagamento, per l’accesso alle community e ai forum, per richiedere informazioni commerciali, inviare messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati nel Sito.
Durante l’accesso al Sito si possono quindi distinguere i dati derivanti dalla sola navigazione dell’utente, dai dati resi volontariamente dall’utente in relazione a determinate finalità.
Non si tratta in entrambi i casi di dati che il Codice della Privacy definisce sensibili (dati personali idonei a rivelare lo stato di salute, la vita sessuale, l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, le opinioni politiche) o giudiziari.
Si invita l’utente a non comunicare in alcun modo alla KONGedizioni i dati sopra menzionati.

Dati derivanti dalla libera navigazione dell’utente

Per qualsiasi accesso al portale vengono registrati dati che riguardano il sistema operativo dell’utente e il suo ambiente informatico, come ad esempio: il tipo di browser (es. Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari), il sistema operativo (es. Macintosh, Windows, Linux), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, i dati sulla pagina richiesta, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta etc.
Si tratta di dati che se incrociati con dati in possesso di terzi potrebbero portare all’identificazione dell’utente. Tali attività non sono svolte dalla KONGedizioni.

Dati resi volontariamente dall’utente

I dati personali forniti dagli utenti che volontariamente interagiscono con il Sito per il conseguimento di determinati servizi sono del tipo: nome, cognome, email, indirizzo. Essi sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e vengono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia strettamente necessario per l’esecuzione del servizio (spedizione di materiale, fornitura di assistenza, etc.).
Specifiche informative di sintesi vengono riportate o visualizzate nelle pagine del Sito predisposte per i servizi a richiesta, in modo tale da richiamare l’attenzione dell’interessato sul trattamento dei suoi dati personali.
A parte quanto sopra specificato per i dati di navigazione, il conferimento dei dati personali degli utenti è facoltativo, ancorché funzionale alla fornitura di determinati servizi; in questi casi, pertanto, il mancato conferimento dei dati potrebbe compromettere o rendere impossibile l’erogazione del servizio.
Questi dati vengono utilizzati dalla KONGedizioni esclusivamente in forma anonima e per finalità statistiche connesse all’uso del Sito e al suo corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati e conservati in caso di sospetti reati informatici ai danni del Sito, per i quali la KONGedizioni si riserva di ricorrere alle autorità competenti all’accertamento delle eventuali responsabilità.

Trattamento dei dati per finalità giornalistiche

Per quanto riguarda i dati personali contenuti nelle informazioni pubblicate sul Sito, (notizie, foto, video, etc.), vengono trattati secondo quanto previsto dal Titolo XII del Codice della Privacy e in particolare dagli articoli 136 (Finalità giornalistiche e altre manifestazioni del pensiero), 137 (Disposizioni applicabili), 138 (Segreto professionale) e 139 (Codice di deontologia relativo ad attività giornalistiche).

COOKIES

I cookies sono piccoli file che vengono inseriti nel disco rigido del computer dell’utente quando questo visita per la prima volta un sito Web. Un cookie può essere paragonato ad un documento di identità che può essere associato solo allo specifico utente. Il suo compito è inviare una notifica al sito quando l’utente si connette nuovamente al fine di agevolarne la navigazione e fornire informazioni che permettono il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. I cookies permettono di salvare preferenze, di registrare prodotti e servizi e di personalizzare le pagine che l’utente visita ma se questo non si registra mai o non lascia informazioni personali sul sito, il server saprà soltanto che qualcuno con quel cookie è tornato sulla pagina Web. E nient’altro. E’ l’utente che decide cosa far sapere o meno. I cookies utilizzati sono anonimi e non riconducibili ai dati personali dell’utente. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookies sono reperibili sui siti web dei forniti di browser.

LUOGO E MODALITÀ DEL TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi alla navigazione nel sito avvengono presso la sede della KONGedizioni ad opera di personale tecnico appositamente incaricato del trattamento dei dati, mediante strumenti automatizzati e per il tempo strettamente necessario alle finalità per le quali i dati sono stati raccolti. Nessun dato viene comunicato o diffuso a soggetti terzi senza il consenso del soggetto interessato, tranne i casi in cui ciò sia strettamente funzionale a rendere un servizio chiesto dal medesimo interessato (per es. spedizione postale, attività di manutenzione, etc.).


Il Titolare del trattamento è:

KONGedizioni, con sede legale in Vasto (Ch), Partita IVA 02419880691  info@kongnews.it. 
L’utente ha facoltà di esercitare in qualsiasi momento i propri diritti, di seguito esposti, nei confronti del Titolare del trattamento.

DIRITTI DELL’UTENTE

Ai sensi dell’art. 7 del Codice della Privacy l’utente ha il diritto di ottenere:

1. la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;

2. l’indicazione:

  • a) dell’origine dei dati personali;
  • b) delle finalità e modalità del trattamento;
  • c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
  • d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2, del medesimo codice;
  • e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati;
  • a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
  • b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
  • c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

3. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

  • a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
  • b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Tutti i diritti di cui al sopra indicato art. 7 del Codice della privacy possono essere esercitati dall’utente contattando per iscritto la KONGedizioni al seguente indirizzo mail: info@kongnews.it.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

Gli aiuti andranno alle attività direttamente colpite dalle chiusure. Un approccio un po’ da furbetti: ci sono attività che, seppur aperte, non hanno neanche minimamente registrato i livelli di fatturato pre-pandemia perché, di fatto, non hanno lavorato. Servono, quindi, più aiuti legati al calo di fatturato. Dei sostegni ai professionisti, poi, ancora una volta non c’è traccia. Oltre a questo, assistiamo alla confusione più totale sulla scuola, con genitori costretti a prendersi congedi non pagati per assistere i figli in Dad. Così in una nota del CoLap.

Con i sostegni si fa peggio che con i codici Ateco di Conte: discriminazione tra settori in crisi

“Ci sono interi settori”, le parole della presidente del CoLAPEmiliana Alessandrucci, “che ormai da mesi vedono praticamente azzerato il loro fatturato. E sono settori che non verranno sostenuti dal prossimo decreto governativo. L’approccio scelto dal governo è sbagliato: molte attività stanno subendo indirettamente gli effetti della pandemia e rischiano di trovarsi in ginocchio. E’ necessario intervenire immediatamente per erogare nuovi aiuti generalizzati legati al calo di fatturato”.

Professionisti, i soliti esclusi. Anche il governo Draghi si scorda di noi

“Già la legge di bilancio”, prosegue la presidente CoLAP, “ha considerato poco e niente il mondo professionale. Ora, il nuovo provvedimento esclude praticamente del tutto i lavoratori autonomi, come già successo e denunciato dal CoLAP in passato. Dobbiamo quindi sottolineare, ancora una volta, la miopia del governo; i professionisti sono sempre gli ultimi ad essere considerati quando si parla di aiuti pubblici, come se fossero una componente secondaria del nostro paese. Quando, in realtà, sono un asse centrale dell’Italia”. 

Scuola a tutti i costi, ma a pagare sono solo le famiglie

“Oltre a questo”, conclude Alessandrucci, “assistiamo alla confusione più totale sulla scuola. Ormai tutti i genitori devono confrontarsi con periodi infiniti di Dad e con la necessità di dover gestire i figli a casa senza però un aiuto governativo. Serve un sostegno immediato su congedi e permessi per i genitori-lavoratori, che stanno perdendo intere giornate di paga per la disorganizzazione e l’incapacità di altri. L’intervento del governo è assolutamente insufficiente”. 

Il lavoro autonomo non riparte ed è ancora molto lontano dai livelli pre-Covid nonostante il timido incremento dell’1,3% registrato lo scorso novembre rispetto al mese di ottobre. È quanto emerge da un’analisi della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, che attinge dai dati Istat relativi al terzo trimestre del 2021. Il dossier mette in evidenza come, a fronte di un sostanziale recupero dell’occupazione di tipo dipendente, tornata ai livelli del 2019, il lavoro autonomo non riesca a invertire la tendenza. Negli ultimi tre mesi del 2021 si è registrato un calo di 350 mila occupati rispetto allo stesso periodo del 2019, scendendo a quota 4 milioni e 940 mila. La perdita maggiore tra le donne: -131 mila occupate, ma anche tra gli uomini i valori registrati sono elevati, considerato un decremento complessivo di 219 mila indipendenti. La pandemia ha senza dubbio accentuato le criticità di un modello di lavoro, quello autonomo, che ha perso appeal tra i lavoratori, soprattutto i più giovani. A pagarne di più le spese sono, infatti, gli autonomi tra i 40 e i 49 anni: -223 mila soggetti in questa fascia d’età, mentre cali più contenuti si registrano tra i 50 e i 59 anni con 60 mila lavoratori in meno.

È il commercio il settore maggiormente colpito: rispetto al 2019, infatti, si sono persi più di 190 mila autonomi; a seguire l’industria (43 mila unità in meno) e l’area dei servizi tecnici e professionali (34 mila autonomi in meno). Il settore dell’edilizia, invece, registra un buono stato di salute, con un incremento del lavoro autonomo negli ultimi due anni del 2,8%. Anche sotto il profilo professionale si registrano tendenze diverse. Le professioni tecniche sono quelle più impoverite con quasi 100 mila occupati in meno nell’ultimo biennio. I dati non sono più confortanti per le professioni intellettuali e ad elevata specializzazione: rispetto al 2019, infatti, si sono persi 73 mila lavoratori.

A penalizzare ancor di più questo mondo è la diversità di tutela rispetto al lavoro a tempo indeterminato. Secondo l’indagine condotta ad aprile 2021 da Fondazione Studi e SWG, due autonomi su tre hanno dichiarato che la pandemia ha avuto un impatto negativo (51,8%) o molto negativo (14,9%) sul loro lavoro e il 53,5% ha affermato di aver registrato una riduzione del reddito. Quali saranno, dunque, le previsioni per il 2022? “Le prospettive per i primi mesi del nuovo anno lasciano ampi spazi di incertezza a causa delle conseguenze economiche legate all’emergenza sanitaria”, dichiara Rosario De Luca, Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. “C’è bisogno di avviare una seria riflessione attorno ai liberi professionisti perché è il lavoro autonomo a generare quello dipendente”. Così conclude una nota dei CsL.