Home Tags Posts tagged with "Conte"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

Quarantatre classi bloccate e 439 bambini e ragazzi trovati positivi al Coronavirus dal primo al 18 settembre. È il primo bilancio del ritorno a scuola in Lombardia, riportato dal quotidiano La Repubblica. Le positività riscontrate tra bambini e ragazzi under 18 sono state l’1,45%. Nello specifico, sono stati eseguiti 4.014 tamponi ai bambini iscritti ai nidi, 5.644 agli alunni delle materne, 6.654 test ai bambini delle elementari, 4.235 agli studenti delle medie e 9.710 a quelli delle scuole superiori.

I minorenni risultati positivi al virus sono stati 69 tra coloro che vanno al nido, 71 tra quelli della materna, 92 alle elementari, 66 alle scuole medie e 141 tra gli iscritti delle superiori. Nell’Ats di Milano finora i contagi riscontrati nelle scuole sono stati 33, di cui 14 a Milano città, 16 in provincia di Milano e tre in quella di Lodi: si tratta di 27 alunni e sei operatori. A causa di questi casi, sono state messe in quarantena 435 persone, 420 alunni e 15 operatori scolastici.

Le linee guida della Regione. Proprio nelle scorse settimane, la Regione ha stilato delle linee guida: in caso un bambino presenti, a scuola, dei sintomi riconducibili alla Covid- 19, vengono contattati i genitori, che con un modulo di autocertificazione fornito dall’istituto possono andare direttamente a fare il tampone in uno dei punti-prelievo ad hoc (solo tra Milano, Sesto e Cinisello al momento ce ne sono 14, raddoppiati nel giro di una settimana).

I centri sono attivi dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 14: “Il documento – specifica l’assessore al Welfare Giulio Gallera – autorizza all’esecuzione del tampone senza prenotazione solo lo studente e non l’intero nucleo familiare”. Il test può essere fatto anche dai bambini che presentano sintomi a casa: in quel caso, i genitori devono andare al punto prelievi dopo aver allertato il pediatra, che segnala il caso. L’esito dovrebbe venire comunicato entro le 23 del giorno stesso al medico curante: nell’attesa le lezioni procedono, mentre il bambino sottoposto al tampone “deve rimanere in isolamento”, specificano dalla Regione. Se il bimbo è positivo, dal giorno dopo i compagni verranno messi in quarantena, così come gli insegnanti che, con lo studente contagiato, hanno avuto dei contatti nelle 48 ore precedenti.

Ancora nessuna risposta definitiva da parte dell’UE alle migliaia di cittadini bielorussi in protesta nelle piazze e nelle strade del paese da ormai più di un mese, ovvero da quando le elezioni (fantoccio) dello scorso 9 agosto hanno visto Alexander Lukashenko trionfare come presidente per la sesta volta. Nessun accordo è stato infatti raggiunto durante la seduta del Consiglio europeo degli Esteri dello scorso lunedì 21 settembre, riunito per decidere in merito alle sanzioni – già approvate dal Parlamento europeo – da applicare contro il presidente bielorusso e le autorità a lui vicine. Eppure, la repressione violenta attuata contro le proteste pacifiche dei cittadini, nonché gli arresti degli oppositori e il ricorso – secondo l’opposizione – alla tortura sono colpe che i massimi esponenti europei hanno riconosciuto e condannato a gran voce. Ma forse più a parole che a fatti.

Il ruolo di Cipro. “Sosterremo un dialogo interno inclusivo, per elezioni libere e giuste. Questo non può essere considerata interferenza negli affari interni” aveva dichiarato poche ore prima del Consiglio l’alto rappresentate per la politica estera e la sicurezza dell’Ue, Joseph Borell, ma l’esito dell’incontro è stato tutt’altro che positivo. A far arenare il Consiglio, rendendo di fatto impossibile l’umanità per l’approvazione delle sanzione è stata Cipro, ma il motivo alla base del veto – ha ricordato lo stesso Borell – è stato in realtà di tutt’altra natura. Quella del ministro degli Esteri cipriota Nikos Christodoulides è stata infatti una vera e propria mossa strategica, finalizzata a far adottare all’Europa delle misure anche contro la Turchia, in seguito alle perforazioni illegali attuate da quest’ultima nel Mediterraneo orientale. Christodoulides d’altronde aveva dichiarato, appena arrivato al Consiglio: “le reazioni dell’Ue alle violazioni di qualsiasi principio o valore dell’Unione non possono essere ‘à la carte’: devono essere coerenti”.

La decisione è dunque rimandata al prossimo Consiglio europeo del 24 e 25 settembre, appuntamento che potrebbe sbloccare una volta per tutte lo stallo dell’Unione in merito alla questione europea. O, almeno così spera Borell, che si è detto fiducioso che la decisione di line politiche definite da parte dei leader dei 27 paesi renderà possibile un accordo in questa direzione. In caso contrario, d’altronde, l’Ue potrebbe “vedere minata la propria credibilità in politica esteri” ha ammonito l’alto rappresentante. Pericolo non affatto remoto, considerato che è ormai da settimane che l’Unione europea si dice pronta ad agire contro l’autoritarismo e i modi governativi antidemocratici di cui si sta macchiando il governo bielorusso.

I dati. Intanto, in Bielorussia, nella sola giornata di domenica oltre 400 persone sono state arrestate solo perché parte di quelle ormai interrotte proteste contro le autorità. A sottolineare la determinazione dei cittadini bielorussi è stata la stessa Svetlana Tikhanovskaya, la leader dell’opposizione, fuggita in Lituania all’indomani del 9 agosto, che in audizione alla commissione Affari esteri del Parlamento Ue, ha dichiarato: “Continueremo a protestare per settimane, mesi, anche anni, se necessario. Non saremo più ostaggi di Lukashenko, non vivremo più nelle sue prigioni, non torneremo più nello stato in cui abbiamo versato per ventisei anni”. L’ex insegnate di inglese ha poi rinnovato – in un punto stampa con il presidente del Parlamento, David Sassoli – il proprio appello alla comunità internazionale, chi3dendo a quest’ultima di “non accettare la legittimazione di Lukashenko perché non è legittimato agli occhi del popolo bielorusso”.