Home Tags Posts tagged with "domande"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

La Direzione Generale della Motorizzazione, con due circolari, ha fornito chiarimenti sullo svolgimento dei corsi CQC, ADR e altri di sua competenza nel perdurare dell’emergenza sanitaria e ha specificato quali sono le attività consentite con il green pass “base” o con quello “rafforzato” nello svolgimento dei corsi.

In zona bianca e in zona gialla il green pass base (quello rilasciato a seguito di “effettuazione di test antigenico rapido o molecolare) è sufficiente per l’accesso ai corsi CQC, ADR, recupero punti su patenti o altre abilitazioni, mentre in zona arancione viene richiesto il green pass rafforzato (rilasciato a seguito di vaccinazione o guarigione).

La competenza e la responsabilità per la verifica dell’osservanza di tali prescrizioni – chiarisce la circolare – compete agli enti erogatori dei corsi.

Inoltre, nei corsi di formazione per il conseguimento o il rinnovo della CQC continua ad applicarsi la speciale disciplina delle “Assenze causa Covid-19”, in base alla quale le assenze da Covid-19 possono essere sempre recuperate, purché il corsista riprenda la frequenza delle lezioni entro 6 mesi dalla prima assenza (ciò a differenza della disciplina normale, in cui assenze superiori ad una certa soglia – ad esempio oltre 10 ore, per il corso di rinnovo di 35 – comporta l’invalidità dell’intero corso).

La Motorizzazione specifica anche che sino al termine dell’emergenza sanitaria (31 marzo 2022) restano applicabili anche le disposizioni sulla formazione a distanza. Ad esempio, nei corsi di rinnovo CQC si può fare ricorso alla FAD per massimo 10 ore sulle 35 di durata del corso.

Amazon ha annunciato oggi l’apertura di un nuovo centro di distribuzione ad Ardea, città metropolitana di Roma, entro la primavera. Questo nuovo sito permetterà ad Amazon di creare, entro tre anni dall’apertura, oltre 200 posti di lavoro a tempo indeterminato, che si andranno ad aggiungere agli oltre 13.000 già creati dell’azienda nel Paese. 

L’investimento a sostegno del lancio del nuovo centro si aggiungerà agli oltre 8,7 miliardi di euro già investiti da Amazon in Italia dal suo arrivo nel 2010. “Siamo orgogliosi ed entusiasti di espandere la nostra attività con un nuovo centro di distribuzione in Lazio”, ha affermato Filippo Fulloni, responsabile del nuovo sito logistico. “Negli ultimi dieci anni abbiamo investito in modo significativo nel Paese e abbiamo assunto oltre 13.000 talenti che ricevono un salario competitivo e numerosi benefit sin dal primo giorno. Questo nuovo investimento rappresenta un’ulteriore prova del nostro impegno nei confronti delle persone e delle comunità in Italia e ci consentirà di creare oltre 200 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, potenziare la nostra rete di consegne e fornire un servizio ancora più efficiente ai clienti”.

È già possibile candidarsi sul sito www.lavora-con-amazon.it alle posizioni di operatore di magazzino presso il nuovo centro di distribuzione. I dipendenti saranno assunti al quinto livello del Contratto Nazionale del Trasporto e della Logistica con un salario d’ingresso pari a 1.680 euro lordi, tra i più alti del settore, pari all’8% in più rispetto a quanto previsto dal CCNL, e numerosi benefit che includono sconti per i dipendenti su Amazon.it e un’assicurazione integrativa contro gli infortuni.

“Quando una grande azienda decide di investire sul territorio, rispettandone le peculiarità e garantendo occupazione, soprattutto giovanile, è sempre la benvenuta. Nel caso di Amazon, siamo di fronte a una grande opportunità di crescita per Ardea: nel centro di distribuzione, infatti, lavoreranno oltre 200 persone, con contratti a tempo indeterminato. Una risposta concreta alla crisi economica che, purtroppo, da anni attanaglia l’Italia – dichiara il sindaco di Ardea, Mario Savarese– Non solo: l’occhio di riguardo che gli investitori hanno verso l’ecosistema territoriale, con basso impatto ambientale delle opere in corso di realizzazione, grande efficienza energetica e ‘ristori’ in termini di interventi di arricchimento del patrimonio arboreo rende il nuovo polo logistico un punto di partenza per ulteriori investimenti sul nostro territorio. L’auspicio è che le tematiche della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente possano essere incrementate sempre di più a tutela del futuro del nostro territorio”.

Il sito di Ardea sarà il terzo centro di distribuzione e la settima struttura aperta da Amazon nel Lazio, regione in cui l’azienda ha già creato 2.700 posti di lavoro a tempo indeterminato. L’azienda, infatti, ha già aperto un centro di distribuzione urbano Amazon Fresh a Roma, due centri di distribuzione a Colleferro e a Passo Corese e tre depositi di smistamento situati a Pomezia, Roma Settecamini e Roma Magliana.

Fonte: Agenzia Dire