Home Tags Posts tagged with "Job pricing"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

“Questo è un virus del ca**o!”, ecco, Mara direbbe proprio così a proposito del coronavirus che oggi tiene la leonessa incatenata ad un letto d’ospedale. La simpaticissima Mara Maionchi è stata ricoverata dopo essere risultata positiva al Covid-19.

Per fortuna la situazione non sarebbe grave, a darne subito la notizia è stata Selvaggia Lucarelli sul sito TPI, dopo poco è arrivata la conferma sui social di Mara. Al momento la discografica di 79 anni, è ricoverata in un noto ospedale milanese e le sue condizioni non sembrerebbero essere preoccupanti. Anche il suo staff fa sapere che “è serena e in ottime mani”.

Però l’ipotesi che sul set di “Italia’s got Talent»” sia nato un focolaio si fa sempre più reale. Infatti oltre alla Maionchi è risultata positiva anche Federica Pellegrini, altra giudice del programma. Le riprese della trasmissione sono terminate domenica 11 ottobre e fino a quel giorno i tamponi effettuati dalla produzione risultarono negativi. Oggi però la situazione cambia e diventa sempre più preoccupante.

Intanto facciamo i nostri migliori auguri di una pronta guarigione a Mara e speriamo di rivederla sulle scene più forte che mai.

Sono dati preoccupanti quelli del turismo italiano: rispetto allo scorso anno, solo tra marzo e giugno di quest’anno, secondo i dati di Istat e Banca d’Italia, ripresi da Italia Oggi, c’ stata una riduzione degli arrivi di turisti italiani e stranieri nelle strutture ricettive dell’87% con un calo della spesa dell’82%, mentre a luglio, secondo i dati della Nadef, si è registrato un ulteriore crollo del 60% della spesa degli stranieri in Italia e del 56% della spesa degli italiani all’estero.

I dati. Ciò di fronte a un’estate che ha visto arrivare in Italia 1 turista straniero su 4 e ben il 40% degli italiani che non sono praticamente andati in vacanza, e di prenotazioni per Natale e Capodanno che, stante la forte apprensione per l’andamento degli indici epidemiologici, risultano praticamente congelate: è quanto si legge in una nota di Confturismo-Confcommercio.

“Il turismo è stato il primo settore a percepire gli effetti della crisi del Covid19 già da febbraio, con la chiusura dei voli dalla Cina, Hong Kong e Taiwan – si legge nella nota – e si presuppone che sarà anche l’ultimo a superarla. Si bruceranno quasi sicuramente, entro la fine dell’anno, 100 miliardi di valore della produzione del settore.”

“Oltre ai provvedimenti trasversali messi in campo da governo e parlamento per mitigare gli effetti della crisi, anche quelli specifici per il settore devono essere prorogati, estesi e rafforzati almeno per la prima parte del 2021: dall’esenzione Imu al tax credit sulle locazioni, dal supporto per la riqualificazione turistica ai contributi a fondo perduto per agenzie di viaggi, guide e accompagnatori turistici. Ma bisogna anche estendere al turismo il superbonus 110% – nell’ottica della green transition che ci si chiede per accedere ai fondi del Recovery Fund – e riattivare il tax credit per la digitalizzazione, anche in questo caso nella logica della digital transition che chiede l’Europa”.

“Riforma delle professioni turistiche, intervento normativo sulle locazioni brevi, sviluppo dei distretti turistici e rinvio delle scadenze di imposte e versamenti contributivi previste di qui a fine anno – conclude la nota – dovranno completare il quadro degli interventi più urgenti. Bisogna poi attivare velocemente il processo di definizione dei piani del turismo da inserire nel PNRR per il Recovery Fund, sul quale Confturismo-Confcommercio conferma di non essere stata chiamata fino ad ora a dare il proprio contributo.”