Home Tags Posts tagged with "Pil mondiale"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

A settembre 2022 si stima un calo deciso sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 98,3 a 94,8) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese (da 109,2 a 105,2). E’ quanto ha comunicato l’Istat in una nota spiegando che guardando alle singole serie componenti l’indice di fiducia dei consumatori, si stima un peggioramento di tutte le variabili ad eccezione dei giudizi sulla situazione economica familiare e delle opinioni relative al risparmio. Coerentemente, anche i quattro indicatori calcolati mensilmente a partire dalle stesse componenti presentano un’evoluzione negativa: il clima economico e futuro registrano i cali più accentuati passando, rispettivamente, da 92,9 a 81,3 e da 96,4 a 91,8; il clima personale e quello corrente si riducono moderatamente (rispettivamente da 100,2 a 99,3 e da 99,7 a 96,9).

Con riferimento alle imprese, la fiducia è in peggioramento in tutti i comparti indagati ad eccezione delle costruzioni dove l’indice sale da 155,8 a 159,5. Più in dettaglio, nel settore manifatturiero e nel commercio al dettaglio l’indice cala, rispettivamente, da 104,0 a 101,3 e da 113,4 a 110,6; nei servizi di mercato la diminuzione è più spiccata con l’indice che si riduce da 103,0 a 95,9.

Quanto alle componenti degli indici di fiducia, nelle costruzioni tutte le variabili sono in miglioramento. Invece, nella manifattura peggiorano sia i giudizi sugli ordini sia le aspettative sul livello della produzione; le scorte sono giudicate in lieve decumulo. In relazione ai servizi di mercato, tutte le componenti registrano una dinamica negativa mentre nel commercio al dettaglio peggiorano i giudizi e le attese sulle vendite e le scorte sono giudicate in diminuzione.

Si apre lunedì 3 ottobre, alle 10:00, il periodo utile per la presentazione delle domande di contributo per gli investimenti da parte delle imprese di autotrasporto, previsti dal decreto direttoriale 12 aprile 2022, n. 155. Le domande potranno essere presentate, fino al 16 novembre 2022 alle ore 16:00, esclusivamente dall’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) dell’impresa, all’indirizzo [email protected], a pena di inammissibilità.

Per la formazione dell’ordine di prenotazione, faranno fede la data e l’ora di invio dell’istanza inoltrata a mezzo PEC. Il soggetto gestore RAM SpA pubblicherà sia il “contatore” delle risorse richieste per i diversi tipi di investimento, sia l’elenco delle domande pervenute, Ll’elenco ha il solo valore di ordine di prenotazione, e rimane valido in attesa che siano verificati i requisiti dell’impresa istante e della documentazione allegata, nella fase di istruttoria della rendicontazione.

La rendicontazione dovrà essere effettuata nel periodo che va dal 1° dicembre 2022 al 1° settembre 2023. Si ricorda che sono previsti 50 milioni di euro per investimenti che riguardino: autoveicoli a trazione alternativa (risorse secondo periodo: 2,5 milioni); autoveicoli Euro 6 con contestuale rottamazione per radiazione (risorse secondo periodo: 17,5 milioni); rimorchi e semirimorchi per il trasporto intermodale (risorse secondo periodo: 5 milioni).