Home Tags Posts tagged with "start up"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

La notizia è arrivata questa mattina in conferenza stampa: Simona Ventura è positiva al Covid-19. La conduttrice avrebbe dovuto affiancare Amadeus nella conduzione della serata finale del Festival, ma dopo aver effettuato il tampone, la Ventura è risultata positiva.

Le sue condizione di salute sono buone, infatti al momento pare non abbia sviluppato alcun sintomo, ma di certo, questo imprevisto le costerà l’assenza al Festival di Sanremo.

Dopo la positività di un collaboratore di Irama, che ha precluso al cantante l’esibizione dal vivo, quello di Simona Ventura, è il secondo imprevisto che Amadeus deve gestire a causa del Covid.

Evidente è l’amarezza del direttore artistico della kermesse, nel comunicare l’assenza della bionda più amata della tv:Con grande dolore per me, Simona Ventura è risultata positiva. Lei è disperata, anche se ora sta bene. Ti abbraccio forte e speriamo vada tutto bene, faremo altro insieme”.

Quando la presentatrice venne chiamata da Amadeus per la co-conduzione del Festival, ha immediatamente accettato con grande entusiasmo: “Non so come esternarvi la mia gioia! Calcare di nuovo il palco di Sanremo mi fa tornare indietro nei ricordi che con gli anni diventano dolcissimi. Grazie Amadeus per l’opportunità!! Di te Don Chisciotte, sarò il tuo fedele Sancio Panza! Non vedo l’ora!”.

Purtroppo, si infrange il sogno della Ventura che ci auguriamo di ritrovare in un’edizione più serena, il prossimo anno.

Questa mattina i lavoratori della ACC di Mel (Belluno) sono in presidio davanti ai cancelli dell’azienda, una prima azione di mobilitazione – riferisce in una nota il Segretario nazionale della Fim Cisl Massimiliano Nobis che questa mattina è insieme ai lavoratori in lotta – Per il segretario Fim  –  bisogna assolutamente  evitare di veder naufragare una ristrutturazione industriale sostenuta da un piano industriale già valutato positivamente dallo stesso MiSE e da cui, ancora oggi nonostante le numerose richieste d’incontro inviate al ministero,  ancora non abbiamo avuto risposte. Chiediamo al neo-Ministro Giorgetti, una convocazione urgente, sono a rischio tra ACC di Mel e i lavoratori dell’Ex Embraco di Riva di Chieri a Torino 750 lavoratrici e lavoratori. La tensione sociale sale di giorno in giorno, già nella giornata di odierna stiamo valutando ulteriori azioni di lotta e mobilitazione.

Serve subito un sostegno finanziario da parte delle banche per dare liquidità ad ACC e poter così pagare gli stipendi dei lavoratori e i fornitori e subito lavorare per concretizzare la costituzione della società Italcomp, polo italiano dei compressori che coinvolgerebbe, ACC di Mel l’ex-Embraco di Riva di Chieri.

Questo soprattutto dopo il diniego avuto dalla Commissione europea sulla richiesta dello Stato italiano di poter dare la sua garanzia al prestito in favore di ACC -dice Nobis – oggi occorrono risposte celeri ad una vertenza che può essere risolta solo se tutti gli enti e le parti convolte fanno la loro parte.