Home Tags Posts tagged with "storie vincenti"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetta

LEGGI ANCHE...

Si consolida la strategia di espansione europea di Orienta, tra le principali Agenzie per il lavoro italiane, attraverso una doppia e congiunta operazione di sviluppo dell’attività di somministrazione, ricerca e selezione e intermediazione di manodopera in Svizzera e nella Repubblica Ceca. Si tratta di un ulteriore passo di consolidamento della presenza del Gruppo in Europa che segue l’apertura in Polonia e precede il prossimo obiettivo, l’apertura in Germania. Il Gruppo nel 2021 supererà i 200 milioni di fatturato.

Nello specifico, l’acquisizione in Repubblica Ceca è funzionale anche alla creazione di un asse con la Polonia sia in termini di aziende clienti multi site che di profili professionali, compreso il mercato ucraino attraverso il brand Job Connector. L’acquisizione in Svizzera, invece, permette di rafforzare la copertura del mercato ticinese e di avviare una strategia di espansione e di copertura di tutti gli altri cantoni dello stato. L’espansione europea, inoltre, valorizzerà le divisioni italiane a forte vocazione estera, come la divisione sanità che da anni si occupa della somministrazione di infermieri e personale sanitario verso gli ospedali e case di riposo dell’UK e di altri paesi europei.

Eurotemps. La crescita di Orienta in Europapermette, inoltre, il rafforzamento del progetto Eurotemps, il primo network di Agenzia per il lavoro europeo di cui Orienta è partner – l’unica agenzia italiana tra i fondatori – che conta su una rete di 350 agenzie distribuite tra Italia, Polonia, Francia, Lussemburgo, Spagna, Belgio, Germania e Portogallo, che godrà, così, di una più ampia copertura del continente europeo.

Con questa duplice operazione europea si consolida la vocazione internazionale del gruppo Orienta che punta con convinzione a proporsi come uno dei principali player italiani sul mercato europeo – spiega Giuseppe Biazzo, AD Orienta -. Dopo la Polonia, in cui abbiamo aperto diverse filiali dirette nelle principali città creando Orienta Polska, sul mercato Svizzero e della Repubblica Ceca abbiamo definito delle importanti operazioni acquisendo le società in loco del Gruppo Quanta dal noto imprenditore milanese Illo Quintavalle. In Svizzera tramite l’acquisizione del ramo d’azienda di Quanta Ressources Humaines SA (dando continuità a 20 anni di presenza nel cantone) e in Repubblica Ceca subentrando a Quanta Ressources Humaines SA nella maggioranza azionaria dell’azienda ceca. Nel complesso si tratta di un’operazione con un impatto di mercato di 20 milioni di euro“.

E’ stata rafforzata l’area manageriale con l’ingresso nel Gruppo Orienta di Claudio Mantese in qualità di International Manager con il compito di consolidare i paesi europei in gestione diretta e lavorare per dare continuità e sviluppo al progetto di internazionalizzazione. Claudio Mantese proviene da un’esperienza di dieci anni in Quanta Spa, sette dei quali passati all’estero tra Brasile e Repubblica Ceca in qualità di Country Manager delle società locali del Gruppo e nel 2020 ha assunto la guida di altri tre Paesi europei (Svizzera, Romania, Repubblica Ceca).

A proposito di ORIENTA S.p.A. Orienta è una delle principali Agenzie per il Lavoro italiane attiva fin dal 1993, che opera a tutto campo nel settore delle risorse umane, in particolare nella somministrazione a tempo determinato, nello staff leasing (somministrazione a tempo indeterminato), nella ricerca e selezione del personale, nella formazione (Orienta Academy), nella ricollocazione professionale e nell’outsourcing di attività aziendali tramite Orienta Direct. In Italia Orienta è presente su gran parte del territorio nazionale con oltre 55 filiali operative, un fatturato di oltre 170 milioni di euro e circa 20 mila persone somministrate. Offre servizi a tutti i settori produttivi, con alcune divisioni di specializzazione nei settori ICT, Sanità (Healthcare & Wellness), Moda (Fashion & Luxury), Trasporti (Truck & Logistics), Vendite (Sales & Marketing) e Servizi (Office & Contact Center). E’ presente anche in Polonia e in tutta Europa grazie alla rete Eurotemps, una partnership nata con altre agenzie per il lavoro estere, che ha l’obiettivo di offrire servizi HR attraverso un network internazionale. Orienta è attualmente uno dei pochi operatori del settore certificato ISO 9001:2000 e SA8000; inoltre dal 2017 ha ottenuto la  prestigiosa certificazione ELITE di Borsa Italiana.

Dopo aver battuto i record precedenti per il quarto mese consecutivo a giugno raggiungendo quota 63,4, il PMI manifatturiero della zona euro di IHS Markit è sceso al minimo di quattro mesi di 62,8 a luglio. Tuttavia, questo era ancora più alto di qualsiasi cosa vista prima di aprile nei 24 anni di storia del sondaggio. Quanto si evince in una nota del PMI. Una certa moderazione da altezze così elevate non dovrebbe quindi essere di per sé una grande preoccupazione. Ma una preoccupazione crescente è che l’indagine di luglio ha portato ulteriori segnali che i produttori e i loro fornitori stanno lottando per aumentare la capacità di produzione abbastanza velocemente da soddisfare la domanda.

Sebbene la crescita della domanda sia leggermente esplosa quando la spinta iniziale dalla riapertura dell’economia svanisce, l’indagine di luglio ha mostrato afflussi di nuovi ordini che superano la produzione in misura senza precedenti nei 24 anni di storia dell’indagine. Di conseguenza, luglio ha visto un altro aumento quasi record degli arretrati di ordini incompleti, e questo nonostante le aziende abbiano assunto personale a un ritmo senza precedenti nella storia del sondaggio durante il mese.

Produzione vincolata da carenze di approvvigionamento, molte aziende vogliono chiaramente produrre più beni, ma semplicemente non sono in grado di farlo a causa di vincoli. Un’analisi delle ragioni del calo della produzione da parte delle imprese che hanno segnalato un calo della produzione in tutta l’area dell’euro durante il mese di luglio mostra che circa il 47% ha attribuito il calo alla carenza di componenti e altri input. Un ulteriore 3% ha riferito che la produzione è diminuita a causa dell’insufficienza del personale. Ciò suggerisce che metà di tutti i casi di calo della produzione erano legati a vincoli dal lato dell’offerta. Si noti che un ulteriore 4% ha riferito che la produzione era diminuita a causa delle vendite colpite da clienti che esitavano a prezzi più alti.

Le carenze di input sono infatti peggiorate a un tasso quasi record a luglio, secondo l’ indice dei tempi di consegna dei fornitori dell’indagine, un barometro chiave delle pressioni inflazionistiche , che rimane indicativo di un mercato dei venditori forte. Le letture inferiori a 50 dell’indice dei tempi di consegna dei fornitori indicano che in media i fornitori impiegano più tempo per fornire merci alle fabbriche. Ciò tende a comportare prezzi più elevati, poiché i produttori sono disposti a pagare di più per garantire forniture sufficienti di input chiave.

L’indice viene quindi invertito nel grafico seguente, quando viene nuovamente tracciato l’indice dei prezzi degli input PMI manifatturiero dell’eurozona, per mostrare la forte correlazione tra condizioni di offerta e andamento dei prezzi. All’inizio di luglio, abbiamo esaminato più in dettaglio gli indicatori di capacità del sondaggio e il grado in cui il recente aumento dei prezzi manifatturieri sembrava transitorio , ma le pressioni sui prezzi non mostrano ancora segni di cedimento. Luglio ha visto un altro aumento record sia dei costi di input che dei prezzi praticati per le merci.

Le preoccupazioni per la variante Delta colpiscono la fiducia e si aggiungono all’acquisto di scorte di sicurezza, le crescenti preoccupazioni su come la variante Delta rappresenti un’ulteriore minaccia per le catene di approvvigionamento e la disponibilità del personale hanno nel frattempo contribuito a spingere le aspettative di crescita futura al minimo finora quest’anno. Anche la creazione di scorte di sicurezza rimane diffusa poiché rimangono diffuse le speculazioni su future difficoltà di approvvigionamento, ancora una volta legate alla variante Delta e che esacerbano lo squilibrio tra domanda e offerta.

Fino a quando non sarà possibile – prosegue il PMI – alleviare i problemi di sicurezza della catena di approvvigionamento, è probabile che i prezzi possano rimanere elevati per molti fattori di produzione poiché le aziende cercano di proteggersi da futuri problemi di approvvigionamento che limitano la produzione. Dopotutto, una cosa che la pandemia ci ha ricordato è che il costo di dover chiudere un’intera linea di produzione a causa della mancanza di un componente chiave avrà un forte impatto su ciò che un produttore è disposto a pagare per quel componente.